logo-standard logo-retina
London
  • Nero
  • Senza titolo

Agostino Bonalumi è nato nel 1935 a Vimercate, Milano, dove ha studiato disegno tecnico e meccanico. Bonalumi, insieme a Castellani e Manzoni, fece la loro prima mostra in gruppo nel 1958, presso la Galleria Pater di Milano. Questa è stato seguita da molte altre anche a Roma e Losanna. Fu in questa città svizzera che Bonalumi co-fondò il movimento della New European School. Arturo Schwarz fu il primo a organizzare una mostra personale dell’artista nel 1965, e in seguito divenne l’unico agente di Bonalumi. Nel 1966, Bonalumi partecipò alla Biennale di Venezia con alcune delle sue opere, e successivamente nel 1970 espose una mostra personale. Ha seguito un periodo di studio e lavoro nei paesi mediterranei dell’Africa e negli Stati Uniti, dove ha presentato una mostra personale alla Galleria Bonino di New York. Nel 1967, è stato invitato alla Biennale di San Paolo e l’anno successivo alla Biennale della Gioventù di Parigi. Durante gli anni ’70 Bonalumi esplorò lo spazio tridimensionale, rompendo l’uniformità della tela come: “blu abitabile” per la mostra Lo Spazio dell’immagine, e “dal giallo al bianco e dal bianco al giallo” per la mostra Pittura ambiente. Nel 1970 realizza anche la scenografia del balletto Partita, al Teatro Romano di Verona. Nel 1973, Schwarz supervisionò la pubblicazione di una monografia completa sull’artista delle Edizioni del Naviglio, scritta da Gillo Dorfles. Agostino Bonalumi è morto a Monza nel 2013.