logo-standard logo-retina
London
  • P.1974-A.
  • P1967-7

Hans Hartung è nato a Lipsia, in Germania, nel 1904. Fin dai suoi primi lavori si è radicalmente allontanato da un’interpretazione obiettiva della realtà. Si è laureato in filosofia e storia dell’arte all’Università di Lipsia nel 1924, e successivamente ha frequentato le Scuole di Belle Arti a Lipsia e Dresda fino al 1926. Si è poi trasferito a Monaco di Baviera dove ha continuato i suoi studi d’arte fino al 1930. Ha esposto nel 1931 alla Galerie Heinrich Kühl, Dresda. Nel 1932, colpito dalla malattia e dalla depressione dopo la morte di suo padre, si stabilì nell’isola di Minorca. Nel 1935, dopo un viaggio in Svezia, tornò in Germania; ma il regime nazista gli rese la vita difficile. Con l’aiuto di Will Grohmann e Christian Zervos fu in grado di lasciare la Germania e stabilirsi a Parigi, dove conobbe Kandinsky, Mondrian, Hélion, Goetz, Domela e Magnelli. Ha preso parte al Salon des Surindépendants dal 1935 al 1938, alla mostra De Cézanne à nos jours (1937) organizzata da Zervos al Jeu de Paume, e alla mostra di arte tedesca del XX secolo a Londra (1938). Una mostra di suoi disegni e pastelli fu organizzata alla Galerie Henriette, Parigi, nel 1939. Dopo aver prestato servizio per due anni nella Legione straniera francese nel Nord Africa, fu dimesso nel 1941. Tornò in Francia e visse nella zona non occupata fino al 1943 Quando i tedeschi si trasferirono, fuggì in Spagna, dove trascorse sette mesi in prigione. Finalmente rilasciato, si diresse verso il Nord Africa e si unì all’esercito del generale de Gaulle. Prese parte all’invasione della Francia nel 1944 e fu gravemente ferito all’assedio di Belfort; la sua gamba sinistra doveva essere amputata. Nel 1945, come riconoscimento del suo record di guerra, ricevette la nazionalità francese. Tornò a Parigi e ricominciò a dipingere. Nel 1946, prese parte al Salon des Réalités Nouvelles e al Salon de Mai, dove espose successivamente ogni anno. Ha tenuto una mostra personale nel 1947 alla Galerie Lydia Conti, Parigi; espose alcuni pastelli alla Galerie Carré con Lanskoy e Schneider nel 1949, e successivamente espose lì regolarmente. Espone alla Kunsthalle di Basilea nel 1952. Negli anni seguenti partecipa alla mostra di Advancing French Art, organizzata da Louis Carré a New York, San Francisco e Chicago; la Biennale di Venezia (1952). Alla fine degli anni ’50 tenne mostre personali a Parigi, Roma e Monaco. Ha ricevuto il Premio Rubens dalla città di Siegen nel 1958 e il Premio Internazionale alla Biennale di Venezia del 1960. Muore ad Antibes nel 1989